Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/6071
Title: In cerca di una forma : ricostruzioni urbane nel cinema asiatico
Authors: Costantino, Mariagrazia
metadata.dc.contributor.advisor: Pravadelli, Veronica
Keywords: asia
città
potere
ideologia
riscrittura
Issue Date: 24-Apr-2012
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Questo studio si propone come un’analisi di alcune rilevanti modalità di articolazione dello spazio urbano, all’interno delle maggiori culture filmiche dell’Asia Orientale, durante tutto il Ventesimo secolo e agli inizi del Ventunesimo. Partirò dall’idea che le città, soprattutto quelle asiatiche – così definibili perché situate in una rete di rapporti culturali ed economici che hanno luogo nella stessa macroregione – siano continuamente minacciate dal rischio di sparizione e assenza, dietro le narrative “metropolitane” e i progetti di costruzione di una città perfetta che si sostituisca a quella reale nella percezione e nell’immaginario comuni. Il cinema verrà qui considerato come testimonianza e antidoto a questa sparizione: perché nel primo caso coadiuva il progetto di costruzione di un immaginario urbano ideale, nel secondo lo interrompe, svelandolo, e disvelando la città “vivente”, quasi sempre nascosta, poco illuminata e opaca. Nel rappresentare un progetto parallelo o integrato alla presenza urbana, il cinema sostiene o espone, denunciandoli, i meccanismi di gestione e controllo delle persone, di mobilitazione di capitali e modellamento dello spazio materiale, e nel farlo racconta storie fittizie o reali, che a loro volta si integrano con, o contraddicono la vita della città “in superficie”. I film saranno usati qui come dirigibili che espongono uno slogan visibile a tutti, o come sottomarini, il cui periscopio scandaglia silenzioso gli abissi del mare urbano. Questa tesi, più che una proposta scientifica, è l’esito di esperienze e riflessioni derivate da una personale esplorazione di panorami urbani emergenti, in trasformazione o in crisi, su tutto il territorio della Repubblica Popolare Cinese, dal 2000 a oggi. In questo periodo ho avuto la possibilità di confrontarmi con modelli di città che venivano fatti e disfatti in base a esigenze economiche, a programmi di sviluppo legati alla produzione, e in ultimo al ricavo di utile. Quello che colpisce, in questo quadro attentamente pianificato e rigorosamente controllato, è che le persone sembrano ridotte al ruolo di comparse. Il cinema è per me un progetto compiuto di reinserimento dell’uomo nel paesaggio urbano, e un modo di giustificare questa presenza, riattribuendole la dignità perduta in decenni di meccanica pianificazione.
URI: http://hdl.handle.net/2307/6071
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:X_Dipartimento di Comunicazione e spettacolo
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi_MgC.pdf1.31 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

12
Last Week
0
Last month
0
checked on Sep 30, 2020

Download(s)

15
checked on Sep 30, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.