Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/6054
Title: La pena in bianco. La legalità "nella misura del possibile"
Authors: Effer Lopez Kelly, Tatiana
metadata.dc.contributor.advisor: Trapani, Mario
Ferrajoli, Luigi
Keywords: Giustizia penale
Tassativita' reclusione
Garantismo
Issue Date: 16-May-2016
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Obiettivo della mia ricerca è evidenziare i punti deboli della teoria della pena e la necessità dell’integrazione del garantismo penale in relazione alla sanzione penale. La realtà della pena esige il suo ripensamento e il suo adeguamento ai principi dello Stato costituzionale, poiché palesa l’assenza di efficaci garanzie dei diritti fondamentali. Benché ogni pena consista in una menomazioni di diritti, un sistema garantista deve assicurare a chiunque subisca una pena la tutela di tutti i diritti la cui menomazione non sia legalmente prevista. In altre parole, deve tutelare il condannato dall’esercizio sregolato e indebito del potere punitivo. Tuttavia, tradizionalmente si percepisce come una grande ingiustizia la condanna dell’innocente e non l’eccessiva afflittività della condanna di coloro ritenuti colpevoli. I principi assiologici dell’odierno costituzionalismo esigono un novo paradigma di definizione, comminazione ed esecuzione delle pene, che consideri il condannato come soggetto di diritto (non come oggetto di una punizione), e la pena, di conseguenza, come l’imposizione di obblighi e/o divieti. Non può essere irrogata, ma prima ancora comminata, una pena il cui contenuto non sia predeterminato tassativamente dalla legge. Perché l’esecuzione penale non si converta in una pratica di dominio e violenza dell’uomo sull’uomo, la legge penale deve rispettare il canone della tassatività - oltre che nella qualificazione dei reati - nella configurazione delle sanzioni, connotandone esattamente il contenuto afflittivo in termini di diritti limitati o sospesi. Questa prospettiva rileva l’illegittimità della reclusione in quanto irriducibile a obblighi predeterminabili tassativamente. La cultura giuridica ha da tempo delegittimato le fattispecie in bianco. È necessario fare altrettanto con le pene in bianco e rendere compatibile lo stato di detenzione con lo stato di diritto.
URI: http://hdl.handle.net/2307/6054
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Giurisprudenza

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi_Effer.pdf1.58 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

17
checked on Oct 31, 2020

Download(s)

22
checked on Oct 31, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.