Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/40870
Title: SINDACATO IN MALAM PARTEM E (IR)RETROATTIVITÀ (S)FAVOREVOLE: AI CONFINI DELLA LEGALITÀ PENALE
Authors: CECCHINI, FRANCESCO
Advisor: TRAPANI, MARIO
Keywords: SINDACATO DI COSTITUZIONALITA'
EFFETTI SFAVOREVOLI
Issue Date: 7-Apr-2020
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Il sindacato di costituzionalità in malam partem in materia penale, con le sue molteplici implicazioni, rappresenta un punto di osservazione privilegiato del principio di legalità penale nella sua ampia accezione, comprensiva dei principi di riserva di legge, irretroattività e tassatività/determinatezza. Il presente lavoro ripercorre l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale relativa alle quaestiones legitimitatis contra reum, dalla preclusione iniziale fondata sul difetto di rilevanza in base al divieto di retroattività delle incriminazioni, all’affermazione del ben più solido sbarramento rappresentato dalla riserva al monopolio del legislatore (statale) della materia penale, all’individuazione delle eccezioni, sempre più numerose, al divieto di pronunce di incostituzionalità con effetti sfavorevoli. Al centro dell’analisi del divieto e delle sue eccezioni un ruolo primario è rivestito dai profili attinenti alla riserva di legge, anche nelle sue intersezioni con le fonti sovranazionali ed internazionali, con particolare riguardo agli obblighi di tutela penale di fonte eurounitaria e convenzionale. La conseguente questione degli effetti temporali delle decisioni del Giudice costituzionale in sfavorem rei, quando ammesse, coinvolge invece i principi di irretroattività della lex gravior e di retroattività della lex mitior, il primo rilevante per i cosiddetti fatti concomitanti, il secondo per i cosiddetti fatti pregressi. Le pronunce più significative in materia di sindacato in malam partem, infatti, contengono al tempo stesso alcune delle più significative prese di posizione della Corte costituzionale sul rango dei due principi, del secondo in particolare. Da ultimo, gli interventi del Giudice delle leggi che, eccezionalmente, aggravano la posizione dell’imputato, necessitano di essere saggiati anche sotto il profilo della tassatività/determinatezza: proprio l’esigenza di assicurare che la decisione della Corte risulti “blindata”, infatti, finisce per rivelarsi quella maggiormente rilevante, anche nel segnare i confini oltre i quali l’ampliamento del novero delle eccezioni non dovrebbe spingersi. Con ciò, le affermazioni della Corte costituzionale sui limiti ai propri poteri in materia penale assumono altresì rilevanza, almeno potenziale, con riguardo al fenomeno del mutamento giurisprudenziale in malam partem e all’esigenza di garanzia del principio di prevedibilità della decisione giudiziaria che, negli scenari dischiusi dalla legalità europea, della tassatività/determinatezza costituisce una sorta di “equivalente funzionale”.
URI: http://hdl.handle.net/2307/40870
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:Dipartimento di Giurisprudenza
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Sindacato in malam partem e (ir)retroattività (s)favorevole .pdf2.42 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

60
checked on Dec 7, 2022

Download(s)

105
checked on Dec 7, 2022

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.