Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/40447
Title: LA GESTIONE DELLA CRISI D’IMPRESA NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON OPERAZIONI DI CONVERSIONE “FORZOSA” DEL CREDITO IN EQUITY, DEBT O QUASI EQUITY: LIBERTA’, LIMITI E SOLUZIONI OPERATIVE
Authors: Mizzau, Marco Nazareno
Advisor: Di Cecco, Giustino
Valensise, Paolo
Keywords: CONCORDATO PREVENTIVO CON CONVERSIONE CREDITO
Issue Date: 12-Jun-2017
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: La tesi analizza, anche mediante lo studio di tre casi pratici, le operazioni “forzate” di equity, debt o quasi equity swap, per verificare quali sono i limiti e le libertà imposte dall’attuale normativa, nonché per comprendere se, anche in assenza di espresse previsioni di legge, l’imposizione ai creditori dissenzienti di talune soluzioni concordatarie, che comportano l’assunzione forzosa di oneri, pesi o più in generale di situazioni soggettive passive, debbano ritenersi illecite e dunque vietate. Nella prima parte del lavoro si esamina l’evoluzione della disciplina concordataria, soffermandosi sull’autonomia privata del debitore nella definizione dei contenuti del piano e della proposta concordatari, nonché prendendo in esame tre casi di concordato preventivo con conversione dei crediti in azioni, quote o strumenti finanziari: Parmacotto, Socotherm e I Viaggi del Ventaglio. Nella seconda parte, invece, si analizza l’operazione di conversione sia sotto il profilo societario (ricapitalizzazione, rinuncia o esclusione del diritto di opzione, sottoscrizione mediante compensazione), sia sotto il profilo concordatario (valutazione dei crediti, sospensione degli obblighi di ricapitalizzazione, swap totale o parziale dei crediti nei concordati preventivi liquidatori e in continuità, possibilità o meno di soddisfare con tale modalità anche i creditori privilegiati, titoli offerti in conversione e connesse criticità). Nella parte conclusiva si esamina il meccanismo di trascinamento forzoso, quale effetto dell’approvazione della proposta concordataria, valutando l’ammissibilità e dunque liceità delle operazioni di conversione dei crediti in equity, debt o quasi equity swap, qualora determini in capo ai creditori dissenzienti un “pacchetto” di obblighi, patti e situazioni giuridiche soggettive passive indesiderate.
URI: http://hdl.handle.net/2307/40447
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:X_Dipartimento di Studi Aziendali
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi Dottorato Marco Nazareno Mizzau.pdf1.26 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record Recommend this item

Page view(s)

118
checked on Feb 26, 2024

Download(s)

742
checked on Feb 26, 2024

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.