Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/622
Title: Risposta e stabilità aeroelastica di velivoli Tiltrotor
Authors: Molica Colella, Marco
metadata.dc.contributor.advisor: Gennaretti, Massimo
Issue Date: 11-May-2010
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Il presente lavoro di tesi si è incentrato sulla costruzione di un modello di soluzione aeroservoelastica adatto alla Risposta ed alla Stabilità di velivoli Tiltrotor in volo rettilineo uniforme. I punti focali della ricerca triennale di dottorato sono stati: • La costruzione, a partire dai modelli classici di travi rotanti sviluppati in [4] e [7], di un modello strutturale complesso per il rotore, adatto a descrivere configurazioni con pale ad asse non rettilineo e con caratteristiche aero-strutturali di sezione genericamente variabili, arricchito dai gradi di libertà relativi al moto dell’hub. • La definizione di un modello avanzato per l’ala, in cui essa e scomposta in parte interna ed esterna, per rappresentare al meglio la struttura ed il conseguente percorso seguito dalle sollecitazioni che dal rotore raggiungono la fusoliera unendosi agli effetti aerodinamici sull’ala. • La definizione di una metodologia per interfacciare la struttura complessa del punto precedente con un solutore BEM (Boundary Element Method) per l’aerodinamica 3D, onde catturare i fenomeni di interferenza aerodinamica e di impatto scia-corpi e calcolare al meglio i carichi vibratori scaricati in fusoliera, che da detti fenomeni si sono dimostrati fortemente influenzati. • approcciare il problema della riduzione delle vibrazioni precedentemente identificate con metodi innovativi relativi all’HHC (Higher Harmonic Control) ed all’uso simultaneo di IBC (Individual Blade Control) come le smartspring. I modelli sviluppati sono stati applicati sia su una configurazione di Tiltrotor innovativa basata sul progetto ERICA di Agusta-Westland, sia su una configurazione convenzionale basata sul Bell XV-15 Sono state eseguite sia indagini di dinamica strutturale che di stabilit` aeroelastica, per il rotore e per l’ala, per la quale ci si e concentrati sul fenomeno del Whirl-flutter. Si è poi analizzata la risposta all’equilibrio in termini di carichi vibratori scaricati al mozzo ed alla radice dell’ala, che in funzionamento periodico e governata dalle armoniche multiple della frequenza giro del rotore e del numero di pale Nblade Ω. I carichi sono stati valutati in più condizioni di volo e con più livelli di interazione tra i modelli aerodinamico e strutturale, evidenziando i limiti di ciascun procedimento nella valutazione. Altresì è stato individuato l’impatto di caratteristiche strutturali, soprattutto dell’ala, sui carichi vibratori, anche sulle armoniche superiori rispetto alla fondamentale: la modellazione strutturale è apparsa importante in quanto masse e geometrie influenzano fortemente i modi e quindi la funzione di trasferimento del sistema che può amplificare notevolmente i carichi in ingresso, fino, nei casi più sfortunati, a risonanze delle frequenze forzanti. Infine ci si e occupati di testare in prima analisi la potenzialità di metodi di controllo delle vibrazioni: sono stati utilizzati sia un controllo ad armoniche superiori sull’attuazione dello swashplate, ergo l’HHC, sia meccanismi di controllo individuale delle pale, IBC, come le smart-spring, capaci con l’innesto di piezoelettrici alla radice della pala di variare con la giusta frequenza la rigidezza a flessione della stessa. Le leggi di attuazione sono state determinate mediante controllo ottimo, ergo la minimizzazione di un indice di prestazione. • I controlli HHC e smart-spring si sono dimostrati molto efficienti nel diminuire le vibrazioni. in particolar modo l’HHC si e dimostrato efficace sia in Helicopter-mode che in airplane-mode • Il controllo numerico si e dimostrato robusto al variare del modello aerodinamico rispetto a quello di sintesi. • Si e infine indagata la convenienza di concentrarsi sulla riduzione dei carichi alla radice o all’hub, osservando come in particolare in helicopter-mode, dove l’aerodinamica interazionale e minore, convenga effettivamente concentrarsi sui carichi al mozzo, sia per avere un risultato migliore, sia per modificare il contenuto armonico della legge del moto dell’attuatore verso frequenze e potenze minori.
URI: http://hdl.handle.net/2307/622
Appears in Collections:X_Dipartimento di Ingegneria meccanica e industriale
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
RISPOSTA_E_STABILITA_AEROELASTICHE_DI_VELIVOLI_TILTROTOR.pdf2.41 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

16
checked on Oct 24, 2020

Download(s)

42
checked on Oct 24, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.