Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/6012
Title: I nomi della violenza
Authors: Casciello, Valeria
metadata.dc.contributor.advisor: Resta, Eligio
Keywords: Diritto
Violenza
Filosofia diritto
Potere
Issue Date: 20-Jun-2016
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Oggetto della ricerca che si è svolta è la violenza e il suo rapporto complesso, per certi aspetti complesso e contraddittorio, con il potere e con il diritto. L'analisi degli approcci teorici che di tale tema si sono occupati è strutturata intorno alla semantica della violenza, con l'intento di costruire quello che può definirsi un vero e proprio lessico della violenza, analizzando, quindi, in primo luogo l'ambito linguistico entro cui porre il problema della violenza. La violenza ci pone, infatti, innanzitutto di fronte ad un problema linguistico, di significati, per cui occorre chiedersi di cosa parliamo quando facciamo riferimento ad essa, sopratutto se analizzata nel suo rapporto con il potere e con il diritto. Il concetto di violenza è estremamente complesso e mutevole. In linea generale con esso si fa riferimento a qualsiasi atto o comportamento che faccia uso della forza fisica per recare danno ad altri o sulle cose. Ma tale definizione deve fare necessariamente i conti con la mutevolezza del contesto in cui la violenza si manifesta e con le motivazioni che la generano: oggi la tipologia degli eventi a cui viene riconosciuta la qualità di violenza non è limitata alle sole situazioni che implicano l'esercizio della forza fisica, ma comprende categorie molto più elusive e non materialistiche, è quello che potrebbe essere definito il “non apparire” della violenza, la sua sublimazione e il suo svolgersi in modo simbolico. Il campo semantico entro cui si analizzano gli approcci filosofici che si sono occupati della violenza è quello del bíos, ossia la vita intesa non in senso naturalistico, ma nel suo particolare significato di «forma o maniera di vivere propria di un singolo o di un gruppo». Se bíos è una esistenza qualificata, tra le qualificazioni della vita è ricompresa la violenza. In questo senso la violenza è una dimensione della vita. Come insegna Socrate, ritenuto tradizionalmente il primo filosofo del bíos, è possibile distinguere “la vita”, intesa come esistenza, dalle “vite,” a seconda delle molteplici qualità e virtù che alla vita stessa possono essere attribuite. E se il compito dell'uomo politico e, in generale della politica, è, come ci ricorda Aristotele, occuparsi del bíos, essa deve cercare di fare in modo che la vita degli uomini si svolga in armonia. La storia dell'uomo può essere allora letta come la storia della violenza, o meglio, quella delle strategie che gli uomini hanno messo in pratica contro la propria violenza per garantire la sopravvivenza della loro comunità. In tale ambito si osserva che la prevenzione e la cura della violenza è stata affidata a dispositivi di autoimmunizzazione, spesso inefficaci, che si caratterizzano per la loro ambivalenza in quanto tentano di neutralizzare e regolare la violenza incorporandola. Il diritto moderno, il rimedio più propriamente curativo della violenza, è l'emblema di questo misconoscimento della violenza e della sua metabolizzazione all'interno del bíos. Nello stato moderno, infatti, un soggetto terzo, il sovrano, ha monopolizzato l'esercizio della violenza e la ha amministrata attraverso le regole. Il diritto, dunque, non elimina la violenza tra le qualificazioni della vita degli uomini, ma la incorpora trasformandola in legittima, perché autorizzata, mettendo al bando quella del singolo che diventa illegittima. Su tali premesse si sono prese in rassegna le categorie di ordine, potere, identità e guerra. Concetti che implicano la violenza, ma al tempo stesso fanno parte di bíos in quanto luoghi in cui il problema della violenza è posto (nel senso di concepito, conceptus, appunto), talvolta superato, ma sopratutto, dove bíos (vita) e violenza si rapportano continuamente, tentando di differenziarsi.
URI: http://hdl.handle.net/2307/6012
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Giurisprudenza

Files in This Item:
File Description SizeFormat
V_Casciello_I_nomi_della_violenza.pdf42.22 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

13
checked on Sep 28, 2020

Download(s)

2
checked on Sep 28, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.