Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/5123
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorRicci, Francesco-
dc.contributor.authorGervasio, Francesca-
dc.date.accessioned2016-08-01T10:30:29Z-
dc.date.available2016-08-01T10:30:29Z-
dc.date.issued2013-06-05-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/2307/5123-
dc.description.abstractLa stipulazione dei contratti a distanza, negoziati e conclusi tra un professionista ed un consumatore mediante tecniche di comunicazione a distanza, offre grandi opportunità di crescita degli scambi nel mercato interno. Tuttavia, la disciplina elaborata verso la fine degli anni Novanta in ambito europeo, e recepita nei singoli Stati membri, non ha consentito agli operatori economici di sfruttare pienamente tutte le potenzialità di questa modalità di vendita, il cui impiego è rimasto contenuto rispetto agli intenti e alle aspettative. Ciò è imputabile anche al fatto che la direttiva 97/7/CE sulla “protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza” prevedeva un grado di armonizzazione minimo, determinando così una frammentazione normativa che ha pesantemente inciso sulla possibilità, per gli operatori economici, di effettuare agevolmente scambi commerciali a livello transfrontaliero. Le istituzioni comunitarie – per favorire l’incremento degli scambi nel mercato unico, per agevolare la concorrenza tra le imprese nonché per offrire ai consumatori una più vasta gamma di prodotti a prezzi più competitivi - hanno dato impulso al (e diretto il) percorso volto alla revisione dell’acquis communautaire sulle vendite nell’Unione Europea, nell’ambito delle quali rientrano le vendite a distanza. Espressione di tale obiettivo è stata, in primo luogo, l’adozione della direttiva 2005/29/CE sulle pratiche commerciali scorrette e, successivamente, della direttiva sui diritti dei consumatori 2011/83/UE – direttiva ad armonizzazione “mista” che ha riformato la disciplina sui contratti negoziati al di fuori dei locali commerciali e sui contratti a distanza. Inoltre, in tale contesto assume rilievo fondamentale la presentazione, nel mese di ottobre del 2011, della proposta di regolamento relativo a un diritto comune europeo della vendita (o CESL - Common European Sales Law). Nell’ambito della CESL, la disciplina delle vendite a distanza è stata particolarmente valorizzata ed è compresa nel più ampio progetto di riforma del diritto contrattuale europeo, volto alla uniformazione del diritto e alla rimozione degli ostacoli, di carattere giuridico, agli scambi transfrontalieri nel mercato unico. L’attività di ricerca svolta è stata, quindi, prevalentemente incentrata sull’individuazione dei problemi posti dalla attuale disciplina delle vendite a distanza e dalle soluzioni che sono state proposte dalla disciplina recentemente definita a livello comunitario mediante gli appena citati interventi. Nel primo capitolo, infatti, si indicano i problemi posti dalla disciplina sui contratti a distanza dal punto di vista pratico, rappresentati principalmente dalla disomogeneità normativa esistente a livello europeo, dalla necessità di contenere i costi transattivi per le imprese, dagli ostacoli incontrati dal consumatore alla prestazione di un consenso libero e consapevole all’acquisto, dall’esigenza di prevedere modalità semplici e gratuite di scioglimento dal vincolo contrattuale e di usufruire di rimedi più efficaci in caso di inadempimento. Nel secondo capitolo, le questioni poste dalla disciplina sulle vendite a distanza vengono analizzate dal punto di vista giuridico, partendo dalle norme contenute nell’ordinamento italiano agli artt. 50 e ss. del codice del consumo, seguite dalle nuove regole introdotte con l’applicazione della direttiva 2011/83/UE e quelle in corso di elaborazione contenute nella CESL - dedicando ad ognuna di esse una apposita sezione. Nel terzo capitolo, infine, si formulano le conclusioni: ossia, si valuta l’efficacia delle soluzioni - proposte in sede comunitaria - alle questioni individuate nel primo capitolo. Specificamente, si segnalano i problemi risolti, le questioni ancora aperte e le prospettive di riforma.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherUniversità degli studi Roma Treit_IT
dc.subjectvenditait_IT
dc.subjectdirettivait_IT
dc.subjectconsumatoreit_IT
dc.subjectCESLit_IT
dc.titleLe vendite a distanza ai consumatori : disciplina vigente e prospettive di riformait_IT
dc.typeDoctoral Thesisit_IT
dc.subject.miurSettori Disciplinari MIUR::Scienze giuridiche::DIRITTO PRIVATOit_IT
dc.subject.isicruiCategorie ISI-CRUI::Scienze giuridiche::Lawit_IT
dc.subject.anagraferoma3Scienze giuridicheit_IT
dc.rights.accessrightsinfo:eu-repo/semantics/openAccess-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1other-
item.grantfulltextrestricted-
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Studi Aziendali
Files in This Item:
File Description SizeFormat
testo tesi dottorato def.pdf889.79 kBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show simple item record Recommend this item

Page view(s)

12
checked on Nov 29, 2020

Download(s)

14
checked on Nov 29, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.