Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/5068
Title: Il trattamento penale della criminalita' c.d. culturale. Considerazioni in tema di reati culturalmente motivati
Authors: Bartolini, Massimiliano
metadata.dc.contributor.advisor: Trapani, Mario
Keywords: reato culturalmente motivato
minoranze etniche
contatto culturale
multiculturalismo
immigrazione
Issue Date: 27-May-2015
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: La tematica dei reati culturalmente motivati è stata, tradizionalmente, oggetto di studi e ricerche prettamente criminologiche. Solo di recente si è imposta all’attenzione della dottrina e della giurisprudenza, stimolando l’interesse di molti studiosi autorevoli, sempre più convinti che anche il diritto penale debba affrontare le sfide poste dal pluralismo culturale e normativo tipico delle società contemporanee. Le inarrestabili dinamiche della globalizzazione e i massicci flussi immigratori degli ultimi decenni hanno indotto la scienza penalistica, ma anche i giudici, ad interrogarsi sul trattamento giuridico da riservare a quei reati commessi da membri di gruppi etnico-culturali di minoranza, immigrati nel nostro Paese, nel rispetto delle proprie regole culturali di origine. Nell’ambito del presente lavoro, dopo aver analizzato i concetti di multiculturalismo e società multiculturale, si ricostruiscono i diversi modelli teorici di integrazione per la gestione della diversità culturale, astrattamente a disposizione di un ordinamento giuridico. Vengono poi analizzate alcune fattispecie considerate maggiormente espressive del conflitto normo-culturale vissuto dal reo, come le violenze in famiglia che sfociano in omicidio (il caso Hina Saleem), il delitto di impiego di minori nell’accattonaggio e le mutilazioni genitali femminili. Nella parte centrale dell’indagine verranno indagate le possibili soluzioni proposte de iure condito per il fattore culturale in sede di colpevolezza, la categoria dogmatica maggiormente posta in tensione dal pluralismo culturale. Viene accolta infine una prospettiva de iure condendo. Dopo aver prospettato due vie percorribili per attribuire rilevanza alla motivazione culturale nella commissione di reati, si ritiene di poter concludere che la soluzione da privilegiare consista nella valorizzazione del ruolo della giurisdizione, nell’ottica di una sua sempre maggiore sensibilizzazione alla diversità culturale. Sperando che possa diffondersi quello che Stefano Rodotà ha definito “diritto dialogante”.
URI: http://hdl.handle.net/2307/5068
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Giurisprudenza

Files in This Item:
File Description SizeFormat
TESI DOTTORATO Bartolini Massimiliano.pdf1.56 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

20
checked on Sep 29, 2020

Download(s)

37
checked on Sep 29, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.