Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/5053
Title: Il padre tra normativita' ed affettivita'. Ruolo e funzione paterna in rapporto alla disabilita' del figlio : uno sguardo pedagogico
Authors: Corsi, Francesca Maria
metadata.dc.contributor.advisor: Bocci, Fabio
De Angelis, Barbara
Keywords: figlio
padre
normativita' affettivita'
disabilita'
Issue Date: 18-Jun-2015
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: La ricerca “Il padre tra normatività ed affettività. Ruolo e funzione paterna in rapporto alla disabilità del figlio: uno sguardo pedagogico” ha come oggetto la figura del padre in relazione alla disabilità di un figlio e si iscrive all’interno di un progetto più ampio sulla funzione paterna che coinvolge alcune università italiane e straniere (Roma, Bologna, Padova, Lione). Il dibattito intorno al ruolo del padre nei processi educativi del figlio – che la letteratura di settore descrive come articolata lungo un continuum che va dall’assenza più totale alla sovrapposizione con la funzione materna (il mammo) – ha stimolato una riflessione soprattutto sulla sua funzione normativa. Tale questione che ha indubbiamente una valenza generale riguardando tutti i padri, assume contorni ancora più significativi in riferimento al padre di un/a figlio/a disabile. In altri termini ci si è chiesti se e in che misura il padre di un figlio disabile agisca tale funzione normativa e in che misura questa si correli a quella affettiva. Di conseguenza, la domanda di ricerca che abbiamo posto al centro della nostra indagine concerne la seguente questione: quanto i vissuti dei padri di figli disabili, le loro percezioni e convinzioni, sono il frutto di una epistemologia dominante che considera (ancora) la disabilità come tragedia personale − ossia alla stregua di un problema tutto interno alla persona che ne è portatrice – e, di conseguenza, sono l’esito dei dispositivi di tichettamento/marginalizzazione/esclusione insiti nelle retoriche discorsive che valorizzano l’abilismo, la produttività e la normalità? Trattandosi di uno studio pilota si è scelto di rilevare le percezioni dei protagonisti mediante interviste semi-strutturate. In questa fase sono stati coinvolti 14 padri di figli disabili tra i 6 ai 10 anni. In virtù del numero dei soggetti coinvolti si è proceduto ad una analisi qualitativa per mezzo del software N-vivo. L’intervista è stata da noi ritenuta una modalità efficace per attivare un dialogo autentico e dinamico in grado di consentire un approccio flessibile a un tema così delicato ed intimo. Il ricorso a tale strumento, poi, ha permesso di raccogliere una notevole quantità di informazioni e di impressioni che i padri hanno rispetto al loro ruolo all’interno della famiglia, le loro esperienze personali e i loro compiti educativi. I risultati hanno messo in evidenza alcuni aspetti significativi rispetto a quanto sottoposto a indagine: dalle risposte dei padri intervistati emerge una figura paterna affettiva, presente nella vita dei figli e collaborativa nella gestione del quotidiano. Funzione di cura è funzione normativa sono bilanciate, mentre i dati non confermano quei tratti disfunzionali (assenza vs mammismo) che una parte della letteratura recente ha attribuito al padre. Tra i nodi maggiormente interessanti che sono emersi vi sono quelli inerenti: - l’elaborazione del “lutto impossibile” (Gardou, 2006) e della ferita narcisistica (Korff Sausse, 2006). - il difficile equilibrio tra normatività e affettività; - la propensione alla funzione di accudimento rispetto a quella propriamente educativa; - la differente percezione tra il ruolo (essere padre) e la funzione (esercitare la paternità) in merito alla qualità e alla quantità di collaborazione con la madre nell’esercizio della genitorialità; - i vissuti esperiti in tutte le dimensioni ora indicati. La sfida, che appare una delle più importanti e, allo stesso tempo, più complesse in ambito socioeducativo, è stata quella di trasformare la risposta “specialistica” in “ordinaria”, laddove la focalizzazione sul “bambino disabile” di stampo bio-medico individuale sembra ancora prevalere a discapito di un approccio globale alla famiglia e al suo benessere. Anche per questa ragione non si è scelto di “posare lo sguardo” su un tipo specifico di impairment, a motivo del fatto che lo scopo della nostra azione di ricerca non è quello di elargire/distribuire supporti compensativi meramente strumentali (che rinforzano l’azione di delega all’esperto e allo specialista) ma di co-costruire con i padri l’azione da intraprendere, a partire dai repertori di competenza di cui sono possessori e portatori, i quali sono troppo spesso sottaciuti o non valorizzati poiché schiacciati dal peso delle interpretazioni derivate dai modelli socio-culturali imperanti.
URI: http://hdl.handle.net/2307/5053
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Scienze della Formazione

Files in This Item:
File Description SizeFormat
TESI-CORSI.pdf1.3 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

34
checked on Sep 22, 2020

Download(s)

63
checked on Sep 22, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.