Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/4194
Title: I prigionieri di guerra italiani negli Stati Uniti,1942-1946
Authors: Conti, Flavio Giovanni
metadata.dc.contributor.advisor: Minniti, Fortunato
Issue Date: 5-Oct-2012
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Dei 600.000 militari italiani fatti prigionieri dagli Alleati nella seconda guerra mondiale, 125.000 furono detenuti dagli americani, e di questi oltre 51.000 furono inviati negli Stati Uniti. Questa ricerca ha affrontato il tema della prigionia dei militari italiani negli Stati Uniti nei suoi molteplici aspetti. Ha analizzato il trattamento riservato dagli americani ai prigionieri italiani, a partire dal momento della cattura, fino a quello del rimpatrio, esaminando tutte le componenti della detenzione: le condizioni materiali, le attività ricreative e culturali, l’assistenza religiosa, la disciplina. Ha inoltre evidenziato l’importante contributo di lavoro fornito dai prigionieri all’economia americana, in compiti anche vietati dalle Convenzioni internazionali, in un periodo di forte carenza di manodopera civile. Ha anche inquadrato la questione dei prigionieri nell’ambito dei rapporti politico-diplomatico-militari tra Italia e Stati Uniti. L’atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti dei prigionieri italiani è, infatti, più facilmente comprensibile se considerato alla luce della politica americana di “indottrinamento” alle idee democratiche dei militari italiani, nella prospettiva della collocazione dell’Italia nel blocco occidentale della futura Europa libera. E’ stato anche esaminato l’importante ruolo dell’opinione pubblica nel condizionare l’atteggiamento delle autorità politiche e militari, spesso considerato troppo benevolo verso gli italiani. Parte della ricerca è dedicata alla descrizione delle vicende di alcuni campi di detenzione, scelti in modo da fornire un quadro rappresentativo delle diverse realtà della prigionia. Si è tenuto conto della distinzione tra prigionieri cooperatori e non cooperatori, che in alcuni casi furono detenuti in campi distinti. I campi ebbero caratteristiche diverse anche a causa della collocazione geografica, della vicinanza a grandi centri urbani, della presenza o meno di comunità italo-americane. Nel ricostruire la vita nei campi si è considerato il fenomeno delle fughe, e si è delineato il quadro dei prigionieri deceduti per diverse cause, tra cui quelle di lavoro. I prigionieri italiani in Germania e in URSS ebbero una sorte tristissima, ma anche quelli in mano alleata subirono trattamenti differenziati: molto duro da parte dei francesi e alquanto rigido da parte degli inglesi, che comunque nel complesso rispettarono le norme delle convenzioni internazionali. La prigionia negli Stati Uniti si configurò senza dubbio come la migliore e ciò a causa delle buone condizioni economiche, degli alti standard di vita americani e di altri fattori politici e sociali. Anche i reduci, in generale, diedero un giudizio piuttosto positivo sulla loro detenzione negli Stati Uniti.
URI: http://hdl.handle.net/2307/4194
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Scienze Politiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
tesi definitiva modificata.pdf1.72 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

11
Last Week
0
Last month
0
checked on Sep 22, 2020

Download(s)

52
checked on Sep 22, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.