Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/40866
Title: SQUILIBRI PATRIMONIALI E GESTIONE DELLA CRISI NEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO
Authors: PRESTIPINO, GIOVANNI
Advisor: GUACCERO, ANDREA
Keywords: FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO
CRISI
Issue Date: 29-Sep-2020
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: La disciplina dei fondi comuni di investimento, come noto, ha subito nel corso degli anni una profonda trasformazione, soprattutto per effetto delle novità introdotte a livello europeo. La normativa sovranazionale, tuttavia, si occupa principalmente di regolare gli aspetti fisiologici dei fondi comuni, riservando agli Stati membri la competenza a disciplinare i profili patologici di tale fenomeno. Al riguardo una delle riforme più importanti introdotte in ambito nazionale, è stata quella delineata dal D. Lgs. 16 aprile 2012, n. 47, il quale ha parzialmente colmato la lacuna normativa esistente nel nostro ordinamento in materia di crisi degli organismi di investimento collettivo del risparmio di tipo contrattuale. Il richiamato provvedimento, infatti, ha modificato tra l’altro le disposizioni contenute nella Parte II, Titolo IV, Capo II del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (“Tuf”), riguardanti la disciplina della crisi degli intermediari finanziari e dei fondi comuni di investimento. In particolare, per effetto delle suddette modifiche normative, il legislatore ha introdotto una nuova procedura di matrice concorsuale che consente agli operatori del diritto di gestire meglio la crisi del fondo comune di investimento. Prima del 2012 il Tuf si limitava a considerare i soli effetti della crisi della società di gestione, senza invece considerare le ipotesi di incapienza o di insolvenza del fondo comune. Oggi invece, l’art. 57, comma 6-bis, del Tuf stabilisce che qualora il patrimonio comune non sia sufficiente a soddisfare le obbligazioni contratte nel suo interesse (e non vi siano ragionevoli prospettive che tale situazione possa essere superata) i suoi creditori o la società di gestione possano richiederne la liquidazione giudiziale. Il presente lavoro si occupa pertanto di esaminare la suddetta disciplina e di valutare la coerenza delle richiamate norme con la normativa in materia di crisi delle società di gestione del risparmio.
URI: http://hdl.handle.net/2307/40866
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:Dipartimento di Giurisprudenza
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi Prestipino - Squilibri patrimoniali e gestione della cr.pdf846.86 kBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

32
checked on Dec 7, 2022

Download(s)

60
checked on Dec 7, 2022

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.