Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/40750
Title: LA CITTA' DI NAPOLI COME SOGGETTO DI UNA SPERIMENTAZIONE IN DIVENIRE : PROCESSI DI INSEDIAMENTO E SEDIMENTAZIONE DELLE ARTI VISUALI
Authors: Esposito, Oriella
Advisor: Menduni, Enrico
Keywords: CINEMA
ARTE
FOTOGRAFIA
NAPOLI
CITTA'
Issue Date: 26-Jun-2017
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Questa ricerca è dedicata al profondo legame tra arte e spazio urbano, così come è stato affrontato dalle diverse pratiche artistiche che lo hanno visto consolidarsi negli ultimi decenni del Novecento. La città si è mostrata come determinante nel condizionare la cultura visuale e i processi artistici di interi decenni e sarà dunque il punto di partenza di questo percorso. Ho voluto individuare un’unica città per delinearne articolazioni e specificità, la scelta è caduta sulla città di Napoli che nei secoli si è distinta facendosi portavoce di una forte identità mediterranea e, nel Novecento, è stata protagonista di eventi storicamente rilevanti che l’hanno posta al centro di discorsi sociali, politici e artistici. Vedremo, come dal terremoto del 1980, la forza creativa e connettiva di una città ha potuto emergere con così tanto impeto, inaugurando nuove soluzioni espressive. Il capitolo che inaugura questa ricerca vuole consegnare al lettore dei punti fermi per la decodifica della città e delle sue modalità di produzione artistica. Il gallerista Lucio Amelio, con la collezione Terrae Motus, e con tutto ciò che negli anni successivi ne è derivato, ha aperto un varco indotto dal tragico terremoto del 1980 che ha imposto un cambiamento radicale nel vissuto collettivo, condizionando la forma della città e i suoi abitanti. Anche il cinema, il teatro e la fotografia hanno avuto modo di trovare una chiave di lettura sperimentale. L’artista - nella sua urgenza di rappresentazione - emerge come figura che sottostà alle mutazioni del tempo e dello spazio, non può imporsi nel restituire un’immagine definita della città, deve abbracciarne le contraddizioni, entrare in relazione con le singole e spesso indefinibili parti, senza entrare in connessione con una totalità che non esiste o che comunque non è rilevante perché vittima di un sistema complesso che tende all’infinito.
URI: http://hdl.handle.net/2307/40750
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:Dipartimento di Architettura
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
tesi dottorato esposito.pdf10.81 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record Recommend this item

Page view(s)

104
checked on Apr 23, 2024

Download(s)

193
checked on Apr 23, 2024

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.