Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/40473
Title: Alla prova del terrorismo : la legislazione dell’emergenza e il dibattito politico italiano (1978-1982)
Authors: Zampieri, Chiara
Advisor: Moro, Renato
Keywords: TERRORISMO
LEGGE COSSIGA
PENTITI
DALLA CHIESA
CASO MORO
Issue Date: 5-Jun-2017
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: La tesi di dottorato ricostruisce il dibattito politico sulla reazione dello Stato italiano al fenomeno eversivo attraverso l’analisi del ruolo di tutti i partiti dell’arco parlamentare, considerati nel contesto storico-politico, nelle loro peculiari culture di riferimento e nella complessità delle sensibilità presenti al loro interno. Si è esaminato per la prima volta in modo sistematico il dibattito interno ai partiti, quello parlamentare, quello sulla stampa e sulle riviste giuridiche specializzate relativo ai problemi connessi alla risposta al terrorismo e, specificamente, all’approvazione delle leggi e dei provvedimenti amministrativi rivolti alla lotta contro di esso, introdotti fra il 1978 e il 1982. La tesi approfondisce come ciascun partito (dalla Dc al Pci e al Psi, a tutti i partiti laici minori, fino al Msi e ai gruppi dell’estrema sinistra) ha vissuto la minaccia terroristica e quali furono le proposte che sono state formulate per farvi fronte. Si sono ricostruite le linee comuni e quelle di divergenza fra gli attori parlamentari, approfondendo se vi fosse omogeneità o meno all’interno di ciascun gruppo, o se invece la linea assunta sui singoli temi fosse frutto di un’evoluzione della cultura politica del partito, o di una sintesi dello scontro interno, o ancora, se non vi sia stata alcuna evoluzione rispetto alle prese di posizione tradizionali. La ricerca approfondisce quali problemi prioritari in termini politici, giuridici e operativi il terrorismo pose e come ciascuna forza politica, secondo la propria scala di priorità, propose di risolverli, e quali motivazioni abbiano poi avuto la meglio nel determinare la risposta che, infine, fu data all’eversione. Si è indagato se il terrorismo abbia costituito un elemento di accelerazione o di freno rispetto ad alcune innovazioni, come, ad esempio, le riforme in senso garantista dei codici o del corpo di polizia. Un altro aspetto essenziale è poi l’indagine sull’influenza che alcuni attori (come, ad esempio, la magistratura o i vertici degli apparati di sicurezza) hanno esercitato su determinate scelte del governo e delle forze politiche. Così come certi eventi e momenti (ad esempio, attentati terroristici particolarmente clamorosi o la corrispondenza con determinati assetti governativi – come la “solidarietà nazionale” o le formule successive – e alcune tornate elettorali) e la dialettica fra i partiti stessi hanno influito sulle scelte dei governi e delle forze politiche in generale. La risposta italiana – forse più che in altri paesi democratici – ha innescato dei dibattiti significativi in ordine alla sua efficacia e soprattutto alla sua democraticità. Di qui sono derivate più ampie analisi sullo stato di salute della democrazia in Italia alla fine degli anni Settanta e sulle responsabilità che la classe dirigente aveva in merito a ciò. La ricerca, pertanto, ha inteso indagare i nodi del dibattito politico sulla reazione al terrorismo, come sono nati i provvedimenti (e, specialmente quelli per i “pentiti”, dal momento che essi costituiscono una peculiarità nel panorama internazionale), che problemi essi hanno sollevato, in che modo sono stati influenzati dall’evoluzione del quadro politico, dal rapporto fra i partiti e dal dibattito pubblico, quali attori hanno svolto un ruolo determinante nella loro definizione, se sono state elaborate risposte diverse per il terrorismo di destra e di sinistra. Si sono analizzati i problemi di natura giuridica, le più generali questioni di carattere politico ad essi sottese, contribuendo ad arricchire le valutazioni sul carattere di efficacia e democraticità dei singoli provvedimenti e della risposta nel suo complesso, e sul ruolo della classe dirigente in quel cruciale quinquennio.
URI: http://hdl.handle.net/2307/40473
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:Dipartimento di Scienze Politiche
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi Chiara Zampieri Alla prova del terrorismo (dottorato XXIX ciclo).pdf6.21 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

51
checked on Sep 30, 2022

Download(s)

52
checked on Sep 30, 2022

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.