Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/40433
Title: PROXY ADVISORS E TUTELA DEL MERCATO FINANZIARIO
Authors: Pistocchi, Caterina
Advisor: Cuffaro, Vincenzo
Keywords: PROXY ADVISORS
TUTELA
MERCATO FINANZIARIO
Issue Date: 12-Jun-2017
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: La tesi di dottorato esamina, in prospettiva giuridica ma con approccio inter-disciplinare (sia privatistico che pubblicistico), l’organizzazione e l’attività dei consulenti in materia di voto (cc.dd. proxy advisors). L’analisi si sviluppa su tre distinti piani: (i) muovendo da una ricostruzione delle dinamiche che caratterizzano l’agere dei proxy advisors, guardando anche all’evoluzione normativa che ne ha regolato l’operatività nel contesto europeo e statunitense; (ii) esaminando nello specifico il novero di attività concretamente prestate dai proxy advisors unitamente alla regolamentazione pubblicistica ad essi applicabile, e quindi, in considerazione di quanto precede, (iii) esaminando la natura della responsabilità civile in cui tali operatori possono incorrere. In particolare, l’analisi muove dalla constatazione che - nell’attuale contesto macro-economico - è crescente la propensione del regolatore sovranazionale al potenziamento dell’attivismo di operatori interessati a strategie di investimento long-term oriented. Prendendo le mosse da tale prospettiva d’indagine l’elaborato inquadra le dinamiche operative dei proxy advisors nell’alveo delle fattispecie che incidono sugli obiettivi macro-economici sopra indicati, che giustificano la disamina della figura soggettiva in commento nel contesto delle recenti modifiche alla direttiva 2007/36/CE sui diritti degli azionisti di società quotate. Sono dunque analizzate le tematiche concernenti i confini delle attività prestate dai consulenti di voto, il modello di remunerazione utilizzato, la problematica del conflitto di interessi che connota la loro azione e, conseguentemente, i profili di contiguità fra la consulenza in materia di voto da essi prestata e la consulenza in materia di investimenti riservata agli operatori autorizzati alla prestazione dei servizi di investimento. Tale percorso d’indagine mostra talune criticità della normativa vigente e di quella prospettica, e si conclude illustrando soluzioni ermeneutiche che, de iure condendo, possano avvicinare la disciplina dei proxy advisors a quella di operatori qualificati assimilabili sul piano sostanziale. Tale impostazione si riflette, infine, nella ricostruzione della disciplina della responsabilità civile applicabile ai proxy advisors, che viene verificata in dipendenza delle possibili relazioni intersoggettive che tale attività può produrre e con evidenza delle distinzioni che – sul piano dell’illecito civile – ne conseguono.
URI: http://hdl.handle.net/2307/40433
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:X_Dipartimento di Studi Aziendali
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi di dottorato - Caterina Pistocchi - finale 19 maggio 2017.pdf1.16 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record Recommend this item

Page view(s)

74
checked on Feb 26, 2024

Download(s)

159
checked on Feb 26, 2024

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.