Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/3900
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorSantangeli Valenzani, Riccardo-
dc.contributor.authorFacchin, Giulia-
dc.date.accessioned2015-03-10T13:30:45Z-
dc.date.available2015-03-10T13:30:45Z-
dc.date.issued2011-04-19-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/2307/3900-
dc.description.abstractLa presente ricerca è stata intesa a narrare la storia e l’archeologia del paesaggio urbano di una parte del centro di Roma dalla sua prima strutturazione architettonica al situazione contemporanea, con una particolare attenzione alle dinamiche di re-impiego e di distruzione operate sulle varie costruzioni via via presenti sul terreno. Il metodo adottato è stato duplice, regressivo e induttivo a seconda delle finalità perseguite. È stata una ricerca archeologica nell’approccio al paesaggio in quanto questo è stato considerato in tutti i suoi aspetti materiali di presenze e assenze di elementi strutturali sul terreno. Ma lo studio si è poi avvalso di un’ampia serie di fonti per arrivare ad una ricostruzione storicodiacronica, nei limiti del possibile, quanto più organica. Si è attinto quindi a fonti letterarie, epigrafiche, numismatiche, archivistiche, cartografiche, iconografiche, mantenendo sempre fisso l’obiettivo dell’analizzare le modalità di mantenimento o cambiamento del contesto paesaggistico. Il settore preso in considerazione è l’insieme degli isolati perimetrati dagli odierni corso Vittorio Emanuele II a nord, via dell’Aracoeli a est, via delle Botteghe oscure a sud e via di san Nicola dei Cesarini a ovest. L’area era caratterizzata in antico prima da un tempio (fine II sec. a.C.), che sorgeva solitario in un vasto spazio aperto e poi, in età domizianea (81-96 d.C.), da un grande quadriportico, la porticus Minucia, che recintava il tempio ed era probabilmente destinato alle distribuzioni a prezzo calmierato del frumento alla popolazione urbana. A seguito degli interventi di spoliazione e della ripetuta esposizione al degrado, dinamiche avvenute in epoca tardo antica (IV-VIII sec. d.C.), entrambe le strutture ne sono ri-emerse nel corso dell’alto Medioevo prive della loro valenza pubblica e, il quadriportico in particolare, del suo aspetto centripeto e geometricamente codificato. Quello che in antico era quindi un sito pubblico entra ora a far parte dell’abitato residenziale privato della Roma medievale. L’ampio edificio di forma rettangolare che definiva il paesaggio antico è frantumato a costituire una serie di isolati dalle forme più varie che in epoca basso-medievale sono gradualmente occupati da serie di case, basse, strette e profonde, di proprietà soprattutto del ceto mercantile. Questo è il paesaggio che si mantiene fino all’epoca della Controriforma, quando i monumenti antichi sono ormai cancellati e il tessuto edilizio parcellizzato è convogliato verso la strutturazione di grandi palazzi di proprietà di alcune famiglie notabili (Ruggeri, Ginnasi, Petroni), o di enti ecclesiastici (Collegio Calasanziano). Sono questi gli stessi palazzi che fisicamente ancora caratterizzano l’area. Ultimi avvenimenti che hanno prodotto sostanziali trasformazioni nell’area oggetto della ricerca intervengono con l’Unità di Italia e il trasferimento della capitale a Roma. Nel delineare la nuova Roma dei Ministeri e della burocrazia, il tessuto medievale e moderno è modificato soprattutto in funzione dell’apertura delle grandi arterie di traffico, celebrative della nuova epoca e dell’apertura al confronto con il mondo estero. Corso Vittorio Emanuele II, prima, e via delle Botteghe oscure, poi, saranno soggette a massicce demolizioni per allargarne la sede stradale. Parte del tessuto residenziale affacciato sulle strade è distrutto e così facendo riemerge al contempo il tessuto antico ormai dimenticato. Riemerge anche l’elemento da cui la ricerca era iniziata: il tempio anticamente elemento isolato in uno spazio aperto, è ora ingabbiato in una temporanea, ma ormai radicata, sistemazione ad area archeologica che isola l’antico dal contemporaneo, dando il senso di come attualmente passato e presente non sappiano che convivere stridendo.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherUniversità degli studi Roma Treit_IT
dc.titleArcheologia e storia di un paesaggio urbano : l'area a nord di via delle Botteghe oscureit_IT
dc.typeDoctoral Thesisit_IT
dc.subject.miurSettori Disciplinari MIUR::Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche::ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALEit_IT
dc.subject.isicruiCategorie ISI-CRUI::Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche::Archaeologyit_IT
dc.subject.anagraferoma3Scienze dell'antichita', filologico-letterarie e storico-artisticheit_IT
dc.rights.accessrightsinfo:eu-repo/semantics/openAccess-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1other-
item.grantfulltextrestricted-
Appears in Collections:X_Dipartimento di Studi storico-artistici, archeologici e sulla conservazione
T - Tesi di dottorato
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Archeologia e Storia di un paesaggio urbano.pdf2.4 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show simple item record Recommend this item

Page view(s)

19
Last Week
0
Last month
1
checked on Nov 29, 2020

Download(s)

93
checked on Nov 29, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.