Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/3886
Title: Bartolomeo Cavalcanti (1503-1562) : diplomatico, esule, letterato
Authors: Campitelli, Carlo
metadata.dc.contributor.advisor: Andretta, Stefano
Keywords: storia politica
Firenze
Repubblicanesimo
fuoriuscitismo
Issue Date: 16-Apr-2012
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: In un arco cronologico di circa sessant’anni, dagli inizi del ’500, la tesi ricostruisce un’articolata biografia di Bartolomeo Cavalcanti, noto letterato autore di interessanti opere politiche e abile diplomatico al servizio di importanti dinastie italiane (Este e Farnese) e in contatto con la monarchia francese. Egli fu però soprattutto uno dei capi del fuoriuscitismo repubblicano fiorentino: dopo aver partecipato attivamente agli eventi che portarono alla cacciata dei Medici nel 1527 ed aver ricoperto poi diversi incarichi all’interno dell’ultima repubblica fiorentina (1527-1530), Cavalcanti divenne infatti esule volontario nel 1537 e da quel momento in poi partecipò alle più grandi crisi che vi furono fra il potere mediceo e i repubblicani fiorentini, dalle vicende che portarono alla battaglia di Montemurlo alla guerra di Siena. Unendo in sé la passione e la cultura politica di una formazione cittadino-repubblicana con l’attività di studioso, filologo e letterato, Cavalcanti può essere assurto quindi a simbolo di quei repubblicani fiorentini che con la restaurazione medicea nel 1530 furono costretti all’esilio e ad una vita errabonda, caratterizzata da un’intensa attività letteraria e diplomatica per favorire il ritorno alla repubblica. La tesi consiste essenzialmente in uno studio critico complessivo su Cavalcanti, attraverso il quale si è cercato di rileggere le sue maggiori opere, a lungo viziate da ingenerose e per certi versi sconcertanti sentenze, volte a negare i positivi giudizi cinquecenteschi e a ridurre il fiorentino a studioso prolisso e letterato minore. Grazie ad una consistente appendice di documenti inediti, riguardanti perlopiù Cavalcanti, è stato possibile anche illustrare il pensiero politico dei repubblicani fiorentini e analizzare le relazioni che essi furono in grado di instaurare con le dinastie regnanti negli altri Stati italiani e con le grandi monarchie europee (in particolare la Francia). Infine, seppur brevemente, sono state ricostruite anche le vicende delle comunità di esuli presenti nelle più importanti città italiane e straniere, come Lione, Parma, Ferrara e Roma, ovvero le sedi principali in cui i fuorusciti repubblicani trovarono rifugio.
URI: http://hdl.handle.net/2307/3886
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:X_Dipartimento di Studi storici geografici antropologici
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Bartolomeo Cavalcanti (1503-1562). Diplomatico, esule e letterato.pdf2.94 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

14
Last Week
0
Last month
0
checked on Sep 28, 2020

Download(s)

55
checked on Sep 28, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.