Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/3775
Title: Correttezza e buona fede nell'esercizio dell'attività d'impresa
Authors: Salvatore, Federica
metadata.dc.contributor.advisor: Valensise, Paolo
Issue Date: 18-Apr-2011
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Il complesso delle nuove norme introdotte nell’ordinamento italiano, anche sulla scia delle disposizioni comunitarie, riguardanti la tutela dei consumatori ha suscitato la riflessione sulla possibilità di estendere i principi della correttezza e della buona fede al di fuori dell’area negoziale, per assurgere a principi condizionanti l’intera attività di impresa e, dunque, della “attività”, condizionando la condotta generale dell’imprenditore, anche per i comportamenti e le scelte non pertinenti all’area negoziale, ivi compresa la fase organizzativa dell’impresa. La trattazione parte dell’analisi della portata applicativa dei principi di correttezza e buona fede nel diritto romano e, successivamente, nel diritto intermedio e in quello delle codificazioni ottocentesche, per poi pervenire ad una approfondita analisi del principio di libertà di iniziativa economica sancito dall’art. 41 cost. e dei correlativi limiti, anche alla luce della giurisprudenza del giudice delle leggi. A ciò si accompagna una analisi delle diverse disposizioni settoriali che nel codice civile e nelle leggi speciali hanno posto un obbligo di condotta all’imprenditore nell’esercizio della propria attività secondo i parametri della correttezza e della buona fede, prescindendo dall’esistenza di un vincolo negoziale, concluso in fase di formazione. La trattazione si incentra poi nell’esegesi dell’art. 39 cod. cons., interpretato quale clausola generale e con valore precettivo, non quindi meramente programmatico, sovraordinata alle disposizioni specifiche sulle pratiche commerciali scorrette. Per altro verso si è approfondito il contenuto concreto dell’obbligo di condotta corretta, che in ultima analisi viene identificato nella emersione di valori etici, soprattutto in chiave protettiva e, comunque, di rispetto dei valori fondamentali dell’individuo, sanciti dalla carta costituzionale e dai trattati internazionali. L’obbligo di correttezza viene anche ricongiunto agli obblighi di condotta degli amministratori di società di capitali, in punto di organizzazione dell’attività dell’impresa collettiva, ai fini della valutazione della adeguatezza dell’assetto organizzativo ed amministrativo, punto centrale della governance societaria. L’ultimo capitolo è dedicato all’individuazione delle conseguenze sanzionatorie dell’eventuale violazione della regola di condotta, prospettate in modo articolato in relazione ai diversi profili di lesione dell’interesse pubblico, collettivo o individuale.
URI: http://hdl.handle.net/2307/3775
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
X_Dipartimento di Scienze aziendali ed economico-giuridiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Correttezza e buona fede nell'esercizio dell'attività di impresa.pdf1.53 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

15
checked on Sep 19, 2020

Download(s)

8
checked on Sep 19, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.