Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/5238
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorMacioce, Francesco-
dc.contributor.authorNicodemi, Alessandro-
dc.date.accessioned2016-09-14T13:48:51Z-
dc.date.available2016-09-14T13:48:51Z-
dc.date.issued2015-06-10-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/2307/5238-
dc.description.abstractSul versante metodologico, la tesi è stata impostata, nella propria parte iniziale, secondo un criterio di ispirazione generale, in modo tale, cioè, da richiamare gli aspetti fondanti della materia relativa alla tutela del consumatore per poi andare ad analizzare, in termini di dettaglio, l’azione di classe. Sulla scorta di tali coordinate, dapprima sono state richiamate talune nozioni circa la tutela del consumatore e la sua evoluzione storica sul piano normativo e, in un secondo momento, è stato rivolto uno sguardo generale al codice del consumo ed alla disciplina in esso contenuta, altresì soffermandosi sulle clausole vessatorie. Una visione d’insieme della materia consumeristica, poi, ha indotto a soffermarsi, pur sinteticamente, sul rilievo assunto, in tale ambito, dalla tutela amministrativa del consumatore introdotta dal D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla L. 24 marzo 2012, n. 27. Esaminati tali profili di carattere introduttivo, l’analisi si è spostata sull’azione di classe, richiamandone dapprima la genesi tormentata ed andando, poi, ad analizzare lo spazio di tutela offerto dall’art. 140 bis del codice del consumo, altresì in raffronto coi precedenti strumenti di tutela collettiva di cui agli artt. 139 e 140 Cod. cons. Le considerazioni in parola, poi, non hanno omesso di considerare le criticità memerse in ordine alla normativa posta dall'art. 140 bis cod. cons. nonchè i diritti tutelabili mediante l'azione di classe e le prospettive de iure condendo. Successivamente è stata svolta un’analisi di diritto comparato dell’azione di classe, guardando, in particolare alla disciplina posta, al riguardo, dalla normativa statunitense e procedendo ad un confronto coi principi dell’ordinamento giuridico italiano. Fatto questo, l’analisi si è spostata sul „cuore“ della tematica in parola ovvero sulla dinamica processuale della class action e sulle peculiarità procedurali che la connotano. Conseguentemente sono stati vagliati i poteri processuali dell'organo giurisdizionale e le pronunce adottabili dal Giudice, la legittimazione all'azione di classe, il giudizio di ammissibilità nella class action, adesione ed intervento nell'art. 140 bis del Codice del Consumo, rinunzie e transazioni. Dopo avere proceduto alla disamina dell’omologo pubblicistico della class action, vale a dire l’azione giudiziale, riferita anche essa ad istanze di tutela collettiva, di cui al D. Lgs. 198/09 – per la verità, contrassegnato da una disciplina profondamente diversa rispetto a quella propria dell’azione di classe di cui all’art. 140 bis cod. cons. – da ultimo è stata richiamata la casistica giudiziaria di maggiore interesse.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherUniversità degli studi Roma Treit_IT
dc.subjectazione di classeit_IT
dc.subjectclass-actionit_IT
dc.titleL'azione di classeit_IT
dc.typeDoctoral Thesisit_IT
dc.subject.miurSettori Disciplinari MIUR::Scienze giuridiche::DIRITTO PRIVATOit_IT
dc.subject.isicruiCategorie ISI-CRUI::Scienze giuridiche::Lawit_IT
dc.subject.anagraferoma3Scienze giuridicheit_IT
dc.rights.accessrightsinfo:eu-repo/semantics/openAccess-
item.languageiso639-1other-
item.fulltextWith Fulltext-
item.grantfulltextrestricted-
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Studi Aziendali
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi di dottorato - Alessandro Nicodemi - L'azione di classe.pdf1.24 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show simple item record Recommend this item

Page view(s)

14
Last Week
0
Last month
0
checked on Sep 30, 2020

Download(s)

31
checked on Sep 30, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.