Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/5056
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorNuti, Leopoldo-
dc.contributor.authorCataleta, Maria Stefania-
dc.contributor.otherMillet-Devalle, Anne-
dc.date.accessioned2016-07-06T10:05:23Z-
dc.date.available2016-07-06T10:05:23Z-
dc.date.issued2014-12-19-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/2307/5056-
dc.description.abstractNell’ambito del processo penale, talune garanzie devono essere riconosciute all’accusato, conformemente agli standard internazionali sui diritti dell’uomo contenuti segnatamente nell’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, nell’articolo 8 della Convenzione americana sui diritti dell’uomo e nell’articolo 14 del Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici. La giustizia penale internazionale non è esente da tale prescrizione, che è ugualmente valida per gli individui accusati dei crimini più efferati contro il genere umano, quali i crimini di competenza della Corte penale internazionale. Il 1998, anno della firma a Roma dello Statuto della Corte penale internazionale, ha segnato una tappa fondamentale nell’affermazione di valori propri alla comunità degli Stati firmatari, i quali hanno confermato in diritto internazionale il principio della responsabilità penale individuale, senza tuttavia trascurare le garanzie della difesa il cui rispetto è essenziale per una sanzione giusta. La protezione dei diritti dell’accusato nel sistema della giustizia penale internazionale risiede dunque sia nell’istituzione di una giurisdizione competente, indipendente ed imparziale che nel processo di codificazione del diritto internazionale penale, il quale ha introdotto non soltanto i principi fondamentali alla base del processo penale internazionale, ma ugualmente un sistema più preciso e dettagliato di garanzie procedurali. Lo Statuto di Roma simbolizza tale codificazione.it_IT
dc.language.isofrit_IT
dc.publisherUniversità degli studi Roma Treit_IT
dc.subjectAccuseit_IT
dc.subjectDroitsit_IT
dc.subjectCour pénale internationaleit_IT
dc.titleLes droits de la défense devant la Cour pénale internationaleit_IT
dc.typeDoctoral Thesisit_IT
dc.subject.miurSettori Disciplinari MIUR::Scienze politiche e sociali::SCIENZA POLITICAit_IT
dc.subject.isicruiCategorie ISI-CRUI::Scienze politiche e sociali::Political Science & Public Administrationit_IT
dc.subject.anagraferoma3Scienze politiche e socialiit_IT
dc.rights.accessrightsinfo:eu-repo/semantics/openAccess-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1other-
item.grantfulltextrestricted-
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Scienze Politiche
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi.pdf3.61 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show simple item record Recommend this item

Page view(s)

13
Last Week
0
Last month
9
checked on Nov 29, 2020

Download(s)

8
checked on Nov 29, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.