Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/4311
Title: Le opere pie dal Liberalismo al Fascismo : l'assistenza ai bambini e agli adolescenti poveri ed abbandonati nella città di Roma (1915-1943)
Authors: Rizzo, Antonella
metadata.dc.contributor.advisor: Lupi, Maria
Keywords: opere pie
assistenza
beneficienza
poveri
Issue Date: 19-Jun-2014
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: Questa tesi di dottorato indaga un settore specifico del vasto tema delle Opere Pie nell’Italia postunitaria, poiché analizza gli enti pii attivi a Roma a sostegno dei minori poveri ed abbandonati tra la grande guerra e il Ventennio fascista. Si tratta di un argomento finora inesplorato che chiama in causa il processo di formazione e di trasformazione dello Stato sociale in Italia. L’ipotesi principale che è alla base di questo lavoro di ricerca è capire se ci sia stata un’evoluzione delle politiche assistenziali tra il periodo liberale e la parentesi mussoliniana, descrivendo la normativa e verificando l’applicazione delle leggi nel contesto romano, con uno sguardo dettagliato al funzionamento e all’organizzazione amministrativa di alcune Opere Pie infantili. Per rispondere a questo interrogativo, si è scelto di consultare alcuni fondi appartenenti al Ministero dell’Interno, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, agli archivi fascisti e a quelli degli enti assistenziali, e di analizzare monografie e riviste d’epoca, oltre ad un’attenta analisi della letteratura a disposizione sul regime, sulla città di Roma, sulle pie istituzioni e sulle donne e la maternità. E’ solo dopo la prima guerra mondiale che lo Stato italiano ha compiuto i primi passi verso un’assunzione di responsabilità dirette per garantire ai cittadini una protezione sociale in relazione ai loro bisogni. Nello stesso tempo, l’ultimo governo liberale ha preso atto del ritardo del nostro Paese sulla scena internazionale per la mancanza di una legislazione pro infanzia chiara e completa. Rispetto alla precedente posizione di assoluta marginalità, il settore assistenziale ha conosciuto un forte sviluppo negli anni del fascismo, diventando uno dei più appariscenti vessilli del regime. Il governo Mussolini si è concentrato prevalentemente sulla protezione della maternità e della prima infanzia per realizzare da un lato l’obiettivo della crescita demografica e per concretizzare dall’altro le aspirazioni di «difesa della razza». I risultati derivanti dalla strategia assistenziale fascista sono stati comunque inferiori rispetto ai proclami e alla retorica del regime, confermando la mancanza di una visione d’insieme della questione assistenziale minorile.
URI: http://hdl.handle.net/2307/4311
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:T - Tesi di dottorato
Dipartimento di Studi Umanistici

Files in This Item:
File Description SizeFormat
TESI DI DOTTORATO. LE OPERE PIE DAL LIBERALISMO AL FASCISMO.pdf1.95 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

11
Last Week
0
Last month
0
checked on Sep 30, 2020

Download(s)

68
checked on Sep 30, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.