Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2307/3909
Title: I Caetani e la contea di Fondi tra XIV e XV secolo : la produzione artistica e le sue vicende conservative
Authors: Savelli, Federica
metadata.dc.contributor.advisor: Sapori, Giovanna
Issue Date: 11-May-2012
Publisher: Università degli studi Roma Tre
Abstract: L'intento di questo studio è quello di chiarire la formazione e l'entità del patrimonio artistico costituito dalla famiglia Caetani durante il suo dominio nella contea di Fondi tra il XIV e il XV secolo. Due secoli di gestione politico-economica e culturale durante i quali le attività edilizie e artistiche promosse dai Caetani hanno caratterizzato il volto di quel territorio. Una “immagine” che ha subito profondi cambiamenti nel corso dei secoli. Gli studi storici hanno trattato tali argomenti in modo parziale, senza ambire ad una visione complessiva delle vicende e delle dinamiche che hanno determinato la costituzione e poi la dispersione del patrimonio Caetani, di quella fisionomia tardo medievale dei luoghi oggi solo parzialmente riconoscibile. Assenza che la tesi si propone di colmare. Come è noto, in seguito alla sua elezione papa Bonifacio VIII volle assicurarsi un territorio strategico al confine tra lo Stato della Chiesa e il Regno di Napoli. Il matrimonio tra Roffredo III, pronipote del papa, e Giovanna dell’Aquila, ultima rappresentante del casato normanno, consentì di ampliare verso sud la signoria familiare, contestualmente all'acquisizione dei domini della Marittima ruotanti intorno all'incastellamento di Sermoneta. La disamina storica, relativa alle successioni e ai conflitti familiari nel governo di questi luoghi, è necessaria e preliminare ad una valutazione o rivalutazione del ruolo che i conti di Fondi hanno svolto nella formazione del patrimonio monumentale e artistico del territorio. La ricerca mi ha permesso innanzitutto di ridefinire per ognuno dei diversi conti Caetani succeduti al titolo di comite fundorum tale ruolo, dunque di allargare anche ad altri membri della famiglia il ruolo di mecenate di Onorato II (1441- 1491) messo in luce dagli studiosi. La ricostruzione del patrimonio costituito dai Caetani è forse parziale: è evidente la difficoltà di confrontare le testimonianze documentarie, scarse, con le persistenze di un territorio che è stato proprietà di diverse famiglie feudatarie fino al XIX secolo, che ha subito profondamente gli eventi tragici della storia, soprattutto novecentesca, e le trasformazioni dovute ad una sempre maggiore urbanizzazione. Tanto più complicata è l’analisi del patrimonio mobile proprio a causa della sua alienabilità e delle vicissitudini dei luoghi che lo ospitavano. Tale ricognizione è finalizzata a capire ed analizzare le cause della scomparsa di una parte del patrimonio studiato, dunque ad una analisi critica degli interventi da esso subiti. In seguito ad una valutazione delle dispersioni avvenute nei secoli scorsi, che si intensificarono nell'Ottocento, lo studio dei documenti di epoca recente e i sopralluoghi effettuati mi hanno permesso di rilevare momenti distinti ed eterogenei di intervento sui beni nel corso del XX secolo: ristrutturazioni fuori controllo dei privati; malaugurati rifacimenti condotti a più riprese alla stregua di un’invasiva espansione edilizia; un progressivo abbandono dei centri storici; interventi sporadici delle amministrazioni preposte alla tutela, svincolati da una programmazione più ampia e a volte avvenuti con grande ritardo; chiusura preventiva dei siti a svantaggio della loro conoscenza e valorizzazione; ma anche recenti e fortunate acquisizioni statali di alcuni luoghi restituiti alla pubblica fruizione. Opere o ferite che hanno profondamente modificato il volto di queste città, che hanno compromesso l'integrità di molti settori degli antichi insediamenti e hanno mutato definitivamente il rapporto con il territorio, alterando la percezione visiva originale dei luoghi.
URI: http://hdl.handle.net/2307/3909
Access Rights: info:eu-repo/semantics/openAccess
Appears in Collections:X_Dipartimento di Studi storico-artistici, archeologici e sulla conservazione
T - Tesi di dottorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
I Caetani e la contea di Fondi tra XIV e XV secolo_Savelli Federica.pdf40.91 MBAdobe PDFView/Open
SFX Query Show full item record Recommend this item

Page view(s)

17
checked on Sep 28, 2020

Download(s)

44
checked on Sep 28, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.